Le pensioni del futuro, i fondi pensione.


ImmaginePeriodicamente la stampa economica si fa portavoce dell’industria del risparmio gestito, lagnandosi dalla bassa propensione italica per i prodotti previdenziali, siano essi fondi o polizze

I fondi pensione per il grande pubblico sono una realtà in molti paesi dove la pensione non viene garantita dallo stato se non per la quota di sussistenza ed al volte neppure quella; gli stati incentivano il risparmio di lungo termine nei fondi pensione con vantaggi fiscali ben sapendo che cittadini anziani senza un’adeguata pensione sono un problema sociale che non è facilmente eludibile, anche in paesi fortemente individualisti nei quali la mancanza di denaro nella terza età è considerata una colpa dell’individuo.

In Italia i fondi pensione sono nati come ausilio alla pensione statale, che è la parte preponderante per la quale si pagano contributi fino al 34% del reddito. Purtroppo la situazione negli ultimi anni è cambiata ed a fronte dell’altissimo livello di contributi previdenziali gli Italiani che sono nati dal 1960 in poi riceveranno una pensione che non arriverà al 55% dell’ultimo reddito da lavoro, neppure dopo oltre 40 anni di contributi.

Si comprende bene come, dati i fatti, si dovrebbe assistere ad una corsa al risparmio previdenziale che, invece, non c’è essenzialmente per questi motivi:

  • nessuno ha il coraggio di dire agli Italiani la verità, inviando una comunicazione agli iscritti INPS con la stima della loro pensione futura; si scatenerebbe la rivolta sociale ed i politicanti passerebbero dei brutti momenti.
  • le tasse al 50% del reddito sugli onesti non lasciano spazio per altro.
  • il denaro versato ai fondi pensione non è liberamente disponibile neppure alla pensione.
  • sia i cittadini che l’industria del risparmio Italiane non sono propense alla pianificazione, si guarda solo ai risultati o ai profitti di breve periodo.
  • il sistema dei piani pensionistici italiani è in generale poco flessibile, poco incentivante, costoso e con risultati in termini di rendimento pessimi.
  • moltissimi cittadini, con ottime ragioni, non si fidano abbastanza di banche ed assicurazioni e preferiscono convogliare i risparmi negli immobili o al massimo nei conti deposito con qualche forma di garanzia.
  • il mercato del lavoro non consente ai giovani di pensare al futuro, è già molto se riescono a sopravvivere.

Anche se la poltica crede di poter temporeggiare, dato che il problema di pensioni magrissime si vivrà fra decenni, il tema non sarà eludibile a lungo e si dovranno trovare stumenti credibili per convincere i cittadini a pensare autonomamente al proprio reddito al momento del ritiro dalla vita lavorativa. C’è la strada facile di rendere obbligatorio il risparmio previdenziale ma senza una preventiva riduzione delle aliquote contributive INPS non è immaginabile sottrarre altro reddito ai cittadini.

Dal lato dell’offerta i prodotti vanno resi efficienti e poco costosi e va sviluppato un sistema di  consulenza qualificata ed indipendente che consenta ai cittadini scelte corrette e consapevoli.

Iinfine il fisco deve premiare il risparmio a lungo termine senza però vincolare il denaro, i prelievi devono essere disincentivati fiscalmente ma se il denaro serve il cittadino deve sapere che può averlo in tempi ragionevoli, l’individuo va indirizzato ma responsabilizzato, se vuole usare il denaro destinato alla previdenza per togliersi un sfizio o aiutare i figli deve poterlo fare, seppur conscio di metterere a rischio il suo benessere futuro.

Nel mondo anglosassone esiste il concetto di “denaro sacro” che è quello destinato alla pensione ed all’istruzione dei figli, in Italia lo stesso ruolo è rivestito dall’abitazione che però ha il difetto di non essere “liquida”, una strada potrebbe essere quella di sviluppare ed incentivare strumenti che consentano agli anziali la liquidabilità dell’abitazione senza perderne l’uso.

Annunci
Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

MYC4

business for a profit and profit for a purpose.

Méthode Lafay

Cultiver l'efficience

farefuorilamedusa

romanzo a puntate di Ben Apfel

goldandother

Flawless, pure, desired.... one word: gold!

dragon trading

semplicemente un piccolo drago che cerca di restare vivo sui mercati finanziari

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: