La favola dello spread e dei mutui

La narrazione dei commentatori e dei media di opposizione racconta che le variazioni dello spread tra titoli di stato italiani e tedeschi influenza direttamente il costo di prestiti e mutui.

È ovviamente una panzana inventata ad arte, chiunque ha un mutuo o lo sta chiedendo si rende conto che negli ultimi mesi non è cambiato nulla.

I tassi di prestiti e mutui dipendono dalle condizioni di mercato e sono indicizzati al costo dei prestiti bancari in Europa, quindi sono molto più influenzati dalle mosse della BCE sui tassi di sconto.

Lo spread misura il livello di maggior o minor fiducia nei titoli di stato italiani rispetto a quelli tedeschi ed influenza il costo del debito dello stato e solo quello.

Rendimax: il conto deposito alza i tassi.

Rendimax è il conto deposito proposto da Banca IFIS, un piccolo istituto specializzato in prestiti alle aziende e quotata alla borsa di Milano.

Nel periodo d’oro dei conti deposito, tra il 2008 ed il 2013, Rendimax si distingueva come una delle soluzioni più remunerative, poi ha cambiato strategia, riducendo notevolmente i tassi e finendo nell’oblio mediatico.

Da settembre 2015 torna alla ribalta con alcune novità accompagnate da una campagna di marketing sui social network e su alcuni siti a tema economico.

In sostanza sono stati aumentati tutti i rendimenti per i vincoli a partire da un anno e sono stati introdotti vincoli lunghi fino a 5 anni.

I rendimenti riconosciuti sui vincoli vanno dall’1% al 2,6% a seconda della durata.

Considerando che, al momento, Rendimax si fa carico anche dell’imposta di bollo le proposte sono allettanti in questo quadro di rendimenti estremamente bassi offerti dai titoli di stato.

Conti deposito: rendimenti da fine stagione ?

A partire dal mese di  agosto le promesse di salvataggio da parte della BCE hanno portato calma sui mercati e favorito un buon recupero sia delle borse che dei titoli di stato, i rendimenti dei BOT annuali sono crollati sotto il 2% netto.

In questo quadro i conti deposito offrono ancora buone opportunità con rendimenti netti per vincoli ad 1 anno che si posizionano tra il 2,5 – 2,8 % dei player più grandi (YOUbanking, Poste, Che Banca ,Unicredit etc) ed il 3,3 – 3,5 % di quelli più piccoli (Rendimax, BCCFOR WEB, Banca Sistema, etc ); alcune banche scontano anche l’imposta di bollo.

Pur essendo valori che faticano a coprire l’inflazione sono comunque rendimenti che potrebbero valere ancora per poche settimane, se la tendenza di fondo dei mercati si conferma, presto anche i tassi  proposti dei conti deposito diventeranno più bassi.

MYC4

business for a profit and profit for a purpose.

Méthode Lafay

Cultiver l'efficience

farefuorilamedusa

romanzo a puntate di Ben Apfel

goldandother

Flawless, pure, desired.... one word: gold!

dragon trading

semplicemente un piccolo drago che cerca di restare vivo sui mercati finanziari

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: